Inizio: 01 marzo 2013

Fine: 01 marzo 2013

Ora: 7:00 pm

Luogo: Osteria della Sghisa, Faenza

Tema: Lisbona
(tema: il luogo gastronomico)

La cucina portoghese è caratterizzata da una ricca varietà di piatti saporiti che nel tempo hanno percepito le influenze delle lontane colonie del Portogallo. I vini tipici più conosciuti del Portogallo sono il Porto e il Madeira, ma la scelta non finisce qui. Ci sono i rossi del Douro e dell’Alentejo, ma anche il “Vinho verde”.

DOVE SI SVOLGE: all’Osteria della Sghisa in Via G.M. Emiliani a Faenza (RA). Per info e prenotazioni 0546 668354

CHE COS’é CATTA TRIFASE?
Catta Trifase è un progetto che vuole, all’interno di un contesto di svago e di relax, fornire agli interessati, un nuovo modo di approcciarsi all’aperitivo e agli abbinamenti del cibo con il vino, durante i tre momenti principali della serata: l’aperitivo, la cena, con un piatto abbinato ad un bicchiere, e il dopocena.Le parole d’ordine e gli asset delle serate:
– Sensorialità;
– Convivialità;
– Curiosità;
– Esperienzialità.
Ovviamente sarà possibile durante la serata partecipare in toto, in parte o per nulla a questo tipo di proposte, che devono evitare di annoiare chi non è interessato, e rivolgersi a chi ha un pò di tempo a disposizione per approfondire, chiacchierando con Catta, temi su cui magari gradirebbe conoscere qualche cosa di più.

E nei prossimi mesi, all’aperitivo, si affiancherà l’arte, provando a stimolare anche il senso della vista in armonia con quello offerto da cibo e vino.

Il formato è studiato in modo che ciascun venerdì la proposta svilupperà un tema nell’arco della serata, riproponendolo poi nel mese successivo con un argomento nuovo.

I temi cardine trattati ogni mese saranno:
– Il personaggio, cuoco/gastronomo
– I 5 sensi e…
– Il Luogo gastronomico
– A sorpresa, a seconda delle occasioni.

Per i primi passeremo da Artusi a Escoffier, mentre nel secondo si parlerà di umami, kokumi e caldo freddo, il tutto passando per Barcellona, Lunigiana e Ecuador nel terzo, fino ad assaggiare la biodinamica o i Franciacorta torbidi del quarto.

In ogni fase, le informazioni sull’abbinamento, il vino e il piatto, saranno fornite solo a chi, interessato, le richiederà.